Fotografo matrimonio - istante

Fotografo matrimonio - istante


Continuo a surfare il mio archivio come fotografo di matrimonio dagli ultimi anni. Ho fatto pulizia ed ho ridotto tutto all'essenziale, togliendo quello che era di troppo. Di troppo per me.
Questa pandemia per un fotografo di matrimonio, anche in una città come Milano, ha significato vedere svanire tutto il lavoro faticosamente accumulato.
A quel punto ritorno a pensare alla mia fotografia, a quella che credo preservi, conservi e ricordi. A quella che funziona, a quella che ho visto maturare in anni e anni di esperimenti, prove, tecniche di sviluppo, materiali...penso ai simboli e al linguaggio fotografico che ho provato ad apprendere.
Poche foto, un frammento che assieme a pochi altri possa dare un senso al racconto. Qualcosa che sia molto di più di un lavoro ma l'unione di come vedo, aldilà di un mercato infedele per il periodo...o perché le cose cambiano e a questo punto meglio essere me stesso.
Poi qualcuno apprezzerà, altri non capiranno.

Quindi, un momento, un simbolo. Uno scatto rubato con la fida Nikon FM2 mentre in teoria avevamo già finito, non stavo dando direzioni o istruzioni ed ero libero di raccontare.

fotografie  iconiche da un archivio come fotografo di matrimonio.

Guardate una mia galleria come fotografo di matrimonio